Per il Pianeta

I cambiamenti climatici sono la sfida globale dei nostri tempi. Avranno un impatto su ogni animale, vegetale ed ecosistema, sul benessere e sulla salute di miliardi di persone, e definiranno la nostra capacità di sopravvivere. È una sfida che dobbiamo assolutamente superare.

Nel 2018, il Panel Intergovernativo sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite (IPCC) ha pubblicato un rapporto in cui sollecitava l’attuazione di cambiamenti urgenti e senza precedenti per poter evitare una catastrofe globale. Nel 2019, l’IPCC ha invitato il mondo a ridurre il proprio appetito per la carne per via del suo grave impatto sul clima. E nel 2021, l’Università dell’Illinois ha pubblicato uno studio in cui affermava che la produzione alimentare è responsabile di un terzo di tutte le emissioni di gas riscaldanti legate ad attività antropiche, e che l’utilizzo degli animali per la carne ha un impatto due volte maggiore rispetto agli alimenti vegetali.

Studi da tutto il mondo – inclusi Harvard, l’Università di Oxford e le Nazioni Unite – giungono alla stessa conclusione: la zootecnia sta provocando il collasso climatico e abbiamo bisogno di un passaggio massiccio e globale a sistemi alimentari vegetali.

Emissioni di gas a effetto serra per chilogrammo di prodotto alimentare

Source: Poore, J., & Nemecek, T. (2018). Reducing food’s environmental impacts through producers and consumers.

QUANTO FANNO MALE I PRODOTTI D’ORIGINE ANIMALE?

Secondo quanto affermato dalla FAO, la zootecnia è responsabile del 14,5 per cento di tutte le emissioni antropiche di gas serra – più delle emissioni di ogni auto, aereo, pullman, barca e treno sul pianeta messi insieme. Altri ricercatori sono giunti a quantità considerevolmente superiori. 

Le emissioni dirette degli animali negli allevamenti hanno un ruolo considerevole, certo, ma ogni fase della produzione di carne, latte e uova è dannosa, dalla deforestazione per i pascoli o per coltivare mangimi, al trasporto degli animali verso il macello, dalla creazione degli imballi di plastica al trasporto refrigerato dei prodotti in tutto il mondo. La ricerca dell’Università di Oxford ha concluso che l’adozione di un’alimentazione vegetale può ridurre le nostre emissioni alimentari del 73 per cento, a seconda di dove viviamo.

E se le persone mangiassero meno carne?

Impatto delle emissioni di gas serra della popolazione mondiale che adotta una varietà di diete.

*Si ipotizza che le centrali nucleari abbiano sostituito i combustibili fossili; dati della World Nuclear Association.

I PRODOTTI D’ORIGINE ANIMALE CI STANNO COSTANDO IL PIANETA STESSO

L’impatto climatico della zootecnia è già alto di per sé, ma anche il nostro consumo di prodotti d’origine animale ha un grave impatto ambientale.

Deforestazione

La zootecnia è incredibilmente inefficiente. Sfrutta ben l’83 per cento dei terreni agricoli ma fornisce solo il 18 per cento delle calorie che ingeriamo. Per soddisfare la domanda globale di carne serve sempre più terra, pertanto antiche foreste pluviali e habitat millenari vengono distrutti. La produzione di carne bovina è responsabile di circa l’80 per cento della distruzione della foresta amazzonica.

Inquinamento

I miliardi di animali che alleviamo sul pianeta producono quantità talmente ingenti di deiezioni che la terra, molto semplicemente, non può assorbire. Miliardi di tonnellate di liquami vengono così ammassati in vasche e cisterne create appositamente, dalle quali sversano accidentalmente o deliberatamente nei campi e nei fiumi, minacciando le acque potabili e provocando distruzione su larga scala degli ecosistemi acquatici. Nei soli Stati Uniti, quasi 161.000 km di fiumi e torrenti, oltre 10.000 chilometri quadrati di laghi, stagni e bacini artificiali, e oltre 2.000 chilometri quadrati di lagune ed estuari hanno una pessima qualità dell’acqua per l’inquinamento da azoto e fosforo, in buona parte collegata alla zootecnia.

Gli Oceani

Le deiezioni degli allevamenti non inquinano solo i corsi d’acqua, ma arrivano fino agli oceani. Le sostanze nutritive nei liquami alimentano la proliferazione delle alghe, che assorbono tutto l’ossigeno libero nell’acqua e creano le zone morte negli oceani. L’industria ittica non è solo la maggior responsabile dell’inquinamento da plastica negli oceani, ma porta intere specie all’estinzione, uccidendo milioni di altre specie a rischio, come tartarughe marine, squali, razze e albatros. E le pesanti reti a strascico trascinate sui fondali devastano senza pietà habitat già fragili ed ecosistemi insostituibili.

Pront* a scegliere vegan?

Go Vegan

Gia Vegan?

Fai la differenza